Journal of Psychosocial Systems https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS <p><strong><img src="/new/ojs/public/site/images/valentina/logo_Vale_copia_dim.png">Rivista interdisciplinare, open access e peer-reviewed, di ricerca e intervento nei sistemi psicosociali</strong></p> <p><strong>ISSN: &nbsp;2532-5450</strong></p> <p>&nbsp;</p> it-IT <p>Gli autori che pubblicano su questa rivista accettano le seguenti condizioni:</p> <ol type="a"> <li class="show">Gli autori mantengono i diritti sulla loro opera e cedono alla rivista il diritto di prima pubblicazione dell'opera, contemporaneamente licenziata sotto una&nbsp;<a href="http://creativecommons.org/licenses/by/3.0/" target="_new">Licenza Creative Commons - Attribuzione</a>&nbsp;che permette ad altri di condividere l'opera indicando la paternità intellettuale e la prima pubblicazione su questa rivista.</li> <li class="show">Gli autori possono aderire ad altri accordi di licenza non esclusiva per la distribuzione della versione dell'opera pubblicata (es. depositarla in un archivio istituzionale o pubblicarla in una monografia), a patto di indicare che la prima pubblicazione è avvenuta su questa rivista.</li> <li class="show">Gli autori possono diffondere la loro opera online (es. in repository istituzionali o nel loro sito web) prima e durante il processo di submission, poichè può portare a scambi produttivi e aumentare le citazioni dell'opera pubblicata (Vedi&nbsp;<a href="http://opcit.eprints.org/oacitation-biblio.html" target="_new">The Effect of Open Access</a>).</li> </ol> paolo.gritti.psi@gmail.com (Paolo Gritti) valentinabosco@hotmail.it (Valentina Bosco) Thu, 26 May 2022 11:46:18 +0200 OJS 3.3.0.10 http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss 60 La trasformazione del setting terapeutico: dall’individuo alla coppia https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/101 <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">L’articolo descrive un processo clinico individuale mirato all’individuazione e differenziazione del soggetto dalla sua famiglia di origine e la conseguente trasformazione del setting terapeutico con l’inclusione del partner. </span></span></span></span></span></p> <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">È un giovane adulto a fare richiesta di terapia personale, intrappolato nella propria famiglia d’origine, giudicato e criticato dai genitori, non riesce ad andare avanti con la propria vita. </span></span></span></span></span></p> <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">È in una relazione di coppia da più di tre anni e i due aspettano una figlia, ma i suoi genitori non lo accettano e spingono per un aborto. Il paziente è sicuro di dover scegliere, rinunciando alla propria famiglia d’origine o a quella che sta costruendo.</span></span></span></span></span></p> <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">Il lavoro terapeutico ha permesso di dar parola alle sue voci interne, al mondo relazionale introiettato e rivissuto, ripercorrendo la sua storia, la sua biografia, all’interno di una cornice trigenerazionale. L’evoluzione della terapia ha permesso un dialogo diverso tra il paziente e i suoi genitori, una posizione differente con la propria compagna e, di conseguenza, la possibilità di coniugare passato e futuro. I rapporti tra la famiglia di origine e la coppia hanno avuto un’evoluzione positiva, così come la definizione personale e professionale del paziente.</span></span></span></span></span></p> Gabriella De Simone Copyright (c) 2022 Gabriella De Simone http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/101 Thu, 26 May 2022 00:00:00 +0200 La differenziazione del Sé in una prospettiva transculturale: ricucire il taglio dalla famiglia con l’appartenenza. https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/102 <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">L’articolo descrive un processo clinico individuale condotto online. Dalla domanda iniziale della paziente, incentrata fortemente sul quadro sintomatologico, prende avvio la narrazione di una storia familiare contrassegnata dalla separazione violenta dei genitori di origine marocchina, e dal conseguente abbandono da parte della madre. Un conflitto coniugale, acceso e distruttivo, che si snoda su un fallimento del percorso migratorio della famiglia dal paese di origine, dalla quale la paziente prende le distanze fisiche con un conseguente taglio emotivo. Il lavoro nel percorso terapeutico ha l’obiettivo di detriangolare la posizione della paziente all’interno della sua famiglia, per arrivare ad un’autentica differenziazione del sé, che le consenta, nel presente, di sperimentare ruoli differenti rispetto a quelli imposti dal suo mandato familiare.</span></span></span></span></span></p> Antonietta Longobardi Copyright (c) 2022 Antonietta Longobardi http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/102 Thu, 26 May 2022 00:00:00 +0200 Il lavoro con le coppie: dalla formazione del terapeuta verso la maturità clinica https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/99 <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">L’articolo intende esplorare la complessità dell’intervento clinico con le coppie in connessione con la formazione dell’allievo al modello sistemico-relazionale. La competenza dell’intervento clinico con la coppia richiama la necessità di utilizzare concetti e costrutti appartenenti anche ad altri modelli. Mantenendo il vertice teorico-clinico sul modello sistemico-relazionale, ritenuto un potente strumento clinico di intervento, viene discussa la modalità di approccio al lavoro con le coppie durante la formazione sistemica. </span></span></span></span></span></p> <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">La difficoltà, per un terapeuta in formazione, di acquisire una lente di osservazione relazionale può interferire con la complessità del lavoro clinico sulla coppia e con le forti risonanze che le stesse hanno nei vissuti interni degli allievi. L’incontro con le coppie, infatti, proprio perché richiama fortemente alle proprie coppie interne, è un potente attivatore di proiezioni e identificazioni, stimolando curiosità ed interesse, ma anche forte coinvolgimento emotivo, con possibili effetti sia sull’allievo singolo che sul gruppo in formazione. </span></span></span></span></span></p> <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">Per tutti questi motivi, è necessaria un’attenta modulazione dei tempi di presentazione dei diversi costrutti teorici che possono essere utilizzati nel lavoro terapico con le coppie, per consolidare nell’allievo prima una solida base teorica del modello sistemico da cui solo secondariamente poter integrare ulteriori conoscenze utili per la clinica delle coppie.</span></span></span></span></span></p> Berniero Ragone Copyright (c) 2022 Berniero Ragone http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/99 Thu, 26 May 2022 00:00:00 +0200 La formazione sui temi LGBT+ come strumento di crescita professionale https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/100 <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">A partire da un excursus teorico sui temi connessi al mondo LGBT+ e alle discriminazioni delle minoranze sessuali, questo articolo intende aprire una riflessione sulla possibilità che la formazione specifica e professionalizzante su questi temi possa costituire uno strumento indispensabile di comprensione e quindi di intervento per i professionisti delle relazioni d’aiuto.</span></span></span></span></span></p> <p style="line-height: 100%; orphans: 0; widows: 0; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="color: #000000;"><span style="font-family: Times New Roman, serif;"><span style="font-size: small;"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">Le comunità professionali dedite all’accoglienza e alla cura, infatti, sono tra le prime ad intercettare le trasformazioni socio-culturali e le conseguenze di queste. Appare evidente quanto tali mutamenti interroghino i professionisti, chiamando in causa le loro specifiche capacità di ascolto e chiedendo dunque una risposta rapida e competente.</span></span></span></span></span></p> Alessia Cuccurullo Copyright (c) 2022 Alessia Cuccurullo http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/100 Thu, 26 May 2022 00:00:00 +0200 Il mio viaggio verso un’ecologia della mente / My journey towards an ecology of mind / Mi viaje hacia una ecología de la mente https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/97 Paolo Gritti Copyright (c) 2022 Paolo Gritti http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/97 Thu, 26 May 2022 00:00:00 +0200 Families In the Storm: an observational study on family systems during the pandemic in an Italian sample https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/98 <p class="western" style="line-height: 100%; text-indent: 0.49in; margin-bottom: 0in;" align="justify"><span style="font-family: Bookman Old Style, serif;"><span style="font-size: medium;">The COVID-19 pandemic and its consequences for social contact limitations have forced everyone to drastically alter their lifestyles in the emotional, social, and working spheres. The contagion prevention measures, in particular, forced families to spend all of their time together at home for long months, resulting in a reorganization of relationships, time, and living space. Families have had to protect the cohesion of their relationships across all latitudes and cultures as they face a period marked by uncertainty about the future, health anguish, and mourning for those who have died because of the pandemic. Within this framework, the present study aimed to investigate the effects of the pandemic on family cohesion because of prolonged social isolation. A sample of 132 families (33 fathers and 99 mothers, whose mean age was 42 years) were recruited using an ad hoc questionnaire that asked one of the parents about their subjective assessment of the perceived changes in their families because of the pandemic. The data gathered point out that these families show resilient coping patterns. The positive effects on interpersonal cohesion, emotional bonding, and communication quality appear to outweigh the pandemic's negative antithetical effects.</span></span></p> Federica Visone, Serena Di Gloria, Leonardo Carlucci, Paolo Gritti Copyright (c) 2022 Federica Visone, Serena Di Gloria, Leonardo Carlucci, Paolo Gritti http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://jpsjournal.org/new/ojs/index.php/JPS/article/view/98 Thu, 26 May 2022 00:00:00 +0200