Le competenze sistemico-relazionali: Analogie e differenze tra due gruppi di terapeuti in formazione

Autori

  • Valentina Bosco Ecopsys Collegio Europeo di Scienze Psicosociali, Napoli
  • Monica Cafiero Ecopsys Collegio Europeo di Scienze Psicosociali, Napoli
  • Pasquale Busso Centro Studi Eteropoiesi - Torino
  • Paola Stradoni Centro Studi Eteropoiesi - Torino
  • Ester Livia Di Caprio Collegio Europeo di Scienze Psicosociali - Napoli
  • Federica Visone Collegio Europeo di Scienze Psicosociali - Napoli
  • Alessia Cuccurullo Collegio Europeo di Scienze Psicosociali - Napoli

DOI:

https://doi.org/10.23823/jps.v1i2.15

Parole chiave:

Gruppi di formazione, competenze, psicoterapia sistemica, processo terapeutico, Training groups, core competences, systemic psychotherapy training, therapeutic process, clinical skills

Abstract

Questo articolo descrive uno studio esplorativo volto ad indagare le principali competenze che gli studenti di psicoterapia sistemica considerano essenziali per il processo terapeutico. Sessantasei studenti che frequentavano due scuole di psicoterapia sistemica italiane (Ecopsys ed Eteropoiesi) hanno compilato un questionario sulle competenze chiave in psicoterapia, mutuato dai position papers di EAP e FIAP, le associazioni europea e italiana di psicoterapia. L'obiettivo dello studio era di evidenziare le somiglianze e le differenze nei programmi di formazione di queste due scuole che hanno la medesima stessa matrice teorica, cioè la psicoterapia sistemico-relazionale, ma focalizzata su diverse tradizioni cliniche. L'indagine si è basata su uno studio esplorativo precedente (Visone et al., 2017). Inoltre, il disegno dello studio mirava a identificare una "linea evolutiva" nella costruzione di abilità sistemiche durante il corso della formazione, attraverso un'analisi dell'intera coorte di studenti nei quattro anni di corso. Viene anche discusso il campo della formazione sistemica in psicoterapia. Il confronto tra gli studenti delle due scuole mostra forti analogie inerenti il modello teorico e clinico sia per gli items scelti che per quelli considerati irrilevanti. Lo studio del campione, distribuito per ogni anno di istruzione, mostra un cambiamento progressivo di enfasi dalle abilità diagnostiche alle abilità relazionali.

 

 

This paper describes an exploratory study aimed at investigate the core competencies of trainees in systemic psychotherapy they consider as essential for the therapeutic process. Sixty-sixstudents attending two Italian schools of systemic psychotherapy (Ecopsys and Eteropoiesis) completed a questionnaire on key skills in psychotherapy, drawn up from the position papers of EAP and FIAP, the European and Italian Association of psychotherapy. The focus of the study was to point out the similarities and the differences in the training programs of these two schools stemming from the same theoretical matrix, i.e. the systemic-relational psychotherapy, but focused on different clinical tradition. The survey was based on a previous, exploratory study (Visone et al., 2017). Moreover, the study design was aimed to identify an "evolutionary line" in building systemic skills during the course of training by means of an analysis the whole cohort of students into the four years of the training. The field of systemic psychotherapy training is discussed too. The comparison between the students of the two schools shows strong analogies inherent to the theoretical and clinical model both for the items chosen and for those considered irrelevant. The whole study sample, distributed for each year of education, shows a progressive change of emphasis from the diagnostic skills to the relational ones.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Riferimenti bibliografici

Carli R., Grasso M., Paniccia M.R., (2007), La formazione alla psicologia clinica, Franco Angeli, Milano.

Esposito G., Freda M.F., Bosco V., (2015), Examining perception of competency through practicum competencies outline, European Journal of Training and Development, 39(8), doi:10.1108/EJTD-05-2015-0037, http://dx.doi.org/10.1108/EJTD-05-2015-0037.

Falender, C.A. and Shafranske, E.P. (2012), “The importance of competency-based clinical supervision and training in the twenty-first century: why bother?”,Journal ofContemporary Psychotherapy, Vol. 42 No. 3, pp. 129-137. doi: 10.1007/s10879-011-9198-9.

Gurman A. S., Kniskern D. P. (1995), Manuale di terapia della famiglia. Bollati Boringhieri Editore.

Le Boterf G. (1995).De la competence. Essai sur un attracteurétrange. LesEditions d’Organization: Paris.

Lombardo G.P., Stampa P. (1991), Presentazione, Rivista di psicologia clinica, 3:246-59.

Michel S. (1991), Sens etcontresesdes bilans de competences. EditionsLiaisons: Paris.

Minuchin S. (1976), Famiglie e Terapia della famiglia, Casa editrice Astrolabio, Roma.

SelviniPalazzoli, M., Boscolo, L., Cecchin, G., Prata, G. (1975). Paradosso econtroparadosso. Un nuovo modello nella terapia della famiglia a transazione schizofrenica. Milano: Feltrinelli.

Visone F., Cafiero M., Cuccurullo A., Bosco V., Caruso N. (2017), Looking for Psy-Tools: An explorative study on mental health professionals’ viewpoints about clinical competences, Journal of Psychosocial systems, Vol 1 (1), doi: 10.23823/jps.vlil.8

Whitaker C. A. (1984), Il gioco e l'assurdo. La terapia esperienziale della

famiglia. Roma: Casa Editrice Astrolabio – Ubaldini.

##submission.downloads##

Pubblicato

2017-11-27

Come citare

Bosco, V., Cafiero, M., Busso, P., Stradoni, P., Di Caprio, E. L., Visone, F., & Cuccurullo, A. (2017). Le competenze sistemico-relazionali: Analogie e differenze tra due gruppi di terapeuti in formazione. Journal of Psychosocial Systems, 1(2). https://doi.org/10.23823/jps.v1i2.15

Fascicolo

Sezione

Articoli originali

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i